Argentina

now browsing by tag

 
 

Argentina – Info e consigli di viaggio

Per ulteriori informazioni e notizie dell’ultima ora: http://www.viaggiaresicuri.it/paesi.html

EMERGENZE
Per la polizia: 0800 999-5000 numero verde oppure: 101 (servizio H24 collegato alla Polizia, solo in inglese); pronto soccorso medico: 107; emergenza nautica: 106; soccorso stradale: 0800.777.2894.

AVVERTENZE
Per informazioni relative alle misure preventive da adottare contro le punture di zanzara, durante la permanenza nel Paese, si consiglia di consultare le info sanitarie “Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara”. Si registrano fenomeni diffusi di criminalità soprattutto nell’immensa Provincia di Buenos Aires ed in alcuni centri urbani, in particolare a Rosario. In generale è opportuno adottare misure di cautela nei principali centri urbani, evitando di indossare oggetti di valore che possano attirare l’attenzione dei malviventi. Per i turisti in difficoltà è stato attivato il numero verde a carattere nazionale 0800 999-5000 (Comisaria del Turista) con operatori plurilingue, attraverso il quale ci si può rivolgere alla Polizia. Si raccomanda, una volta in loco, di portare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.). Si consiglia infine di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

DOCUMENTI
É necessario il passaporto in corso di validità con scadenza non inferiore a 6 mesi dalla data di arrivo in Argentina; il visto d’ingresso non necessario per soggiorni turistici inferiori a tre mesi. Si consiglia in ogni caso di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia.

DOGANA
In entrata e in uscita dal Paese non è consentito il possesso di oltre 10.000 dollari USA per passeggeri con più di 16 anni (5.000 dollari USA, per minori di 16 anni).
Si segnala, inoltre che, sin dall’inizio del 2012, le Autorità monetarie argentine hanno varato una serie di restrizioni all’acquisto di valuta straniera. Il Banco Central de la República Argentina (BCRA) stabilisce le condizioni che devono seguire i “non residenti” per l’acquisto di valuta straniera “in concetto di turismo e viaggi”. All’arrivo o durante il soggiorno, l’interessato può rivolgersi a banche o “case di cambio ufficiali” per vendere la valuta (Euro) senza limiti quantitativi (non sempre le banche consentono questa operazione se lo straniero non è correntista). Se volesse riacquistare successivamente Euro, deve presentare la corrispondente ricevuta emessa dall’ente di cambio dove ha venduto precedentemente la valuta all’ingresso nel Paese.  In tale ultimo caso l’ammontare totale di valuta che si può riacquistare non deve superare l’equivalente di 5.000 dollari USA. Sulla base di disposizioni interne del Banco Nación Argentina, in uscita è possibile cambiare pesos in valuta straniera soltanto se si può dimostrare di aver acquisito pesos presso lo stesso sportello al momento dell’ingresso al Paese.

VACCINAZIONI
Non è richiesta nessuna vaccinazione obbligatoria. Si consiglia la vaccinazione contro la febbre gialla a coloro che intendano visitare la zona delle cascate di “Iguazu”.

NORME SANITARIE
In Argentina non è sicuro bere l’acqua di rubinetto, per cui è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate oppure bevande calde. Si consiglia di adottare le normali misure igieniche e le necessarie precauzioni sanitarie. Gli standard qualitativi delle strutture sanitarie, pubbliche e private sono, nel complesso, soddisfacenti. L’assistenza a pagamento è di ottimo livello.

LINGUA
La lingua ufficiale è lo spagnolo. Abbastanza diffuse sono le lingue di origine degli immigrati: italiano, tedesco, francese oltre naturalmente all’inglese. In alcune zone si parla il guaranì, il quechua, l’aymarà e le lingue proprie delle minoranze indigene.

MONETA
L’unità monetaria è il Peso, diviso in 100 centavos. I dollari o gli euro in contanti si possono cambiare presso le banche (aperte dal lunedì al venerdì con orario 10-15), le agenzie di cambio e, spesso, anche negli alberghi, agenzie di viaggio e negozi. Diffuse le carte di credito (meno nelle zone rurali) con un’unica precisazione: la somma addebitata dipenderà dal tasso di cambio vigente al momento in cui il prezzo d’acquisto sarà riversato in conto, cosa che potrà avvenire dopo varie settimane; inoltre, nelle province, le banche fanno pagare una commissione del 10%. Nessun problema a prelevare denaro tramite Bancomat. Se vi affidate ai contanti ricordatevi che cambiare banconote di grosso taglio è un problema un po’ ovunque nel paese. Quando potete, cambiatele presso una banca.

MANCE
È usanza lasciare l’equivalente di un 10% dell’importo in caffetterie e ristoranti. Questo vale anche per tassisti, portinai, facchini.

FUSO ORARIO
L’ora Argentina è spostata di 4 ore indietro rispetto all’ora solare italiana (5 ore con l’ora legale).

PER TELEFONARE
Per chiamate dall’Italia all’Argentina comporre il prefisso internazionale 0054 , l’indicativo urbano, quindi il numero desiderato.
Per chiamate dall’Argentina all’Italia comporre il prefisso internazionale 0039, l’indicativo urbano con lo zero, quindi il numero desiderato.
E’ possibile telefonare dagli alberghi con un servizio migliore, ma con tariffe maggiorate. La telefonia pubblica offre un buon servizio ed è possibile trovare telefoni che funzionano con monete, gettoni (cospeles) e tessere prepagate (tarjetas) in vendita presso giornalai, chioschi e compagnie telefoniche.

PERIODO MIGLIORE
L’Argentina è situata nell’emisfero australe e ha quindi le stagioni invertite rispetto all’Europa. Detto questo, l’estate (da ottobre a marzo) è la stagione più adatta per visitare la Patagonia e le Ande meridionali mentre l’inverno è più adatto per viaggiare al nord e nord-ovest del Paese giacché le piogge sono meno frequenti e le temperature tropicali si abbassano di qualche grado. L’autunno e la primavera sono invece il periodo più adatto per un soggiorno a Buenos Aires, Cuyo e le zone de La Rioja e Catamarca.

CLIMA

Tra luglio e settembre, ideale per visitare le province del Nord-Est e del Nord-Ovest in quanto le piogge sono meno frequenti e la temperatura è più bassa.
Come tutti i Paesi dell’America Latina che si trovano sotto la linea dell’Equatore, l’Argentina presenta le stagioni invertite rispetto al nostro emisfero settentrionale, ovvero al nostro inverno corrisponde l’estate australe. L’inverno va da giugno ad agosto, l’estate comincia a dicembre e i mesi di gennaio e febbraio sono i più caldi dell’anno.
Nella parte più settentrionale del paese, a ridosso degli altopiani brasiliani, si verificano le precipitazioni più abbondanti, con massimi intorno ai 1800 mm annui; altrove si scende ai valori propri dei paesi semi-aridi o addirittura aridi: così il Chaco passa da oltre 1000 a 500 mm di precipitazioni, registrando nell’area occidentale, un clima tipicamente tropicale, caratterizzato d’inverno da una lunga stagione secca.

ABBIGLIAMENTO
Abbigliamento sportivo e comodo, sia per quanto concerne i vestiti che le scarpe. Nel nord del Paese, soprattutto durante l’estate, sarà da privilegiare un abbigliamento di cotone leggero mentre per il nord-ovest andino e alle alte latitudini della Patagonia saranno necessari abiti più caldi (giacca a vento e maglione) anche in estate. Da non dimenticare un filtro protettivo per il sole ad alta protezione per chi intende visitare la Patagonia. E’ importante  non dimenticare una giacca a vento che risulterà sempre comoda.

ANIMALI DOMESTICI
In tutti i punti di ingresso del Paese c´è una delegazione del Ministero del bestiame, dell´agricoltura e della pesca, che è responsabile per l’ingresso di animali domestici. I cani o i gatti che viaggiano dai paesi del Mercosur (quasi tutti quelli dell’America Meridionale), dall’America e dall’Europa, devono presentare un certificato sanitario rilasciato dal Ministero del bestiame nel Paese di origine, attestante il loro stato di salute e la vaccinazione antirabbica. Per gli animali provenienti da altri paesi, si deve gestire previamente l’autorizzazione per l’ammissione, che deve soddisfare le condizioni sanitarie. Per le altre specie di animali, quali gli uccelli, i mammiferi ed i rettili, è necessario gestire, in precedenza, un’autorizzazione di importazione rilasciata dal Ministero stesso.

CIRCOLAZIONE
É necessaria la patente internazionale (modello conforme alla convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968).
Le cinture obbligatorie sui sedili anteriori e posteriori. Di notte bisogna utilizzare gli abbaglianti nelle zone rurali e sulle autostrade. Tutti i veicoli a motore devono avere i fari accesi sia di giorno che di notte nelle provincie di Buenos Aires, Cordoba, Chubut, Mendoza, Rio Negro e Santiago del Estero. Due triangoli sono obbligatori a bordo di tutti i veicoli a 4 ruote. Le vetture private devono avere un estintore a bordo. Riguardo il tasso alcolemico, il limite consentito è 0,05%. La maggior parte delle autostrade sono a pagamento, che avviene in contanti oppure con carte prepagate.

ELETTRICITA’
L’energia elettrica è erogata a 220 volts; sono consigliabili gli adattatori per le prese di corrente a lamelle piatte.

PRIMA DI PARTIRE
Ambasciata Argentina
Piazza dell’Esquilino 2 – 00185 Roma
Tel.: 06 48073300 | Fax: 06 48073352, 06 48073331
E-mail: privada@ambasciatargentina.it
Sito web: www.ambasciatargentina.it

Consolato Argentino
Via Vittorio Veneto 7 – 00187 Roma
Tel.: 06 42016021 | Fax: 06 483586
E-mail: privada@ambasciatargentina.it
Sito web: www.ambasciatargentina.it

SUL POSTO…
Ambasciata d’Italia competente
Calle Billinghurst, 2577 – 1425 Buenos Aires
Tel.: 005411 40112100 | Fax: 005411 40112159
Fuori dell’orario d’ufficio: cell.: 0054 9 11 51134530
E-mail: ambasciata.buenosaires@esteri.it

Consolato Generale d’Italia
Reconquista 572 – 1003 Buenos Aires
Tel.: 005411 41144800 | Fax: 41144799
Fuori dell’orario d’ufficio: cellulare 0054 9 11 45305629
Sito web: www.consbuenosaires.esteri.it
E-mail: info.buenosaires@esteri.it

Consolato Generale d’Italia
Av.da Velez Sarsfield 360 – 5000 Córdoba
Tel. centralino: 0054351 526.1000/1/2/3 – 0054351 526.1032
Fax principale:0054351 5261010/5261010
Fax passaporti: 0054351 5261029
Cellulare di reperibilità per casi di emergenza:0054 9 351 6137892
E-mail: segreteria.cordoba@esteri.it
Sito web: www.conscordoba.esteri.it

ARGENTINA – CORRIENTES

paisaje tuning testata

A 1.074 km. da Buenos Aires si trova la provincia di Corrientes, fiancheggiata da uno dei fiumi più ampi del mondo, il Parana, che si estende per 750 km. di costa con spiagge, monti e burroni. Antica foce e letti abbandonati del Parana hanno formato, con il passare del tempo, un’indipendente e complessa rete di terre umide, pantani, lagune, dighe e corsi di origine pluviale. Con un’estensione di 1.400,00 ettari, gli Esteros dell’Ibera rappresentano la seconda zona umida più grande del Sudamerica.Questo tipo d’acqua cristallina è l’habitat del Dorado e di altre specie che rendono Corrientes una destinazione impareggiabile per chi ama la pesca sportiva.
La diversità della sua natura permette la realizzazione di diverse attività, da quelle agrarie, vincolate al turismo rurale, alle passeggiate, gite in bicicletta, a cavallo. Si possono fare trekking, mountain bike, passeggiate in 4X4, safari fotografici, avvistamento di fauna e flora con diversi circuiti d’interpretazione. Le sue acque permettono innumerevoli sport: passeggiate in motoscafo o in gommone, su barche a vela, a motore, canottaggio, kayak, sci acquatico, jet ski o windsurf.

Programma di viaggio

Fly Fishing Info

Hotel e Lodge

Info e consigli di viaggio

Commenti e racconti di viaggio

Gallery

ARGENTINA – HOTEL & LODGE

ESTANCIA LAGUNA VERDE LODGE

Le voci che avete sentito riguardo alla pesca della trota al lago Strobel (conosciuto anche come Jurassic Lake) e nel fiume Barrancoso (Jurassic River) sono vere.
Memorabili trote iridee sono catturate regolarmente a Estancia Laguna Verde Lodge, l’unico e solo lodge in tutta la zona Strobel/Barrancoso. Con un lodge unico e l’accesso esclusivo a diverse miglia del lago Strobel, al fiume Barrancoso, al torrente Moro e oltre 12 laghi più piccoli, Estancia laguna Verde Lodge è la scelta più ovvia per i pescatori alla ricerca del viaggio di pesca di una vita.
Estancia Laguna Verde Lodge è strategicamente situato proprio di fronte al bellissimo Green Lake.
L’edificio principale del Lodge è la tipica “estancia house” e può ospitare fino a 10 pescatori a settimana.

Sistemazioni
Dispone di 7 camere doppie con letti singoli con relativo bagno e acqua calda 24/7 (la camera singola e il servizio guida possono essere previsti ad un costo aggiuntivo).

Servizi
Il grande soggiorno con vista sulla Laguna Verde è uno degli ambienti preferiti del lodge. I pescatori possono sorseggiare un cocktail mentre si divertono guardando sul televisore LCD 42′ le migliori catture del giorno. A disposizione c’è anche la TV satellitare e un lettore DVD.
Per un completo relax il Lodge dispone di una libreria per i momenti non dedicati alla pesca.
Un locale di recente costruzione con funzione di spogliatoio/asciugatura situato vicino alla porta d’ingresso del lodge è da utilizzare prima e dopo la pesca per far sì che i pescatori abbiano tutti gli attrezzi da pesca (waders, wading boots, canne, mulinelli, giubbotti ecc.) pronti e asciugati per il giorno dopo. Il Lodge offre ai visitatori telefono satellitare e IP e connessione internet wireless gratuita e illimitata; per evitare del peso inutile nel bagaglio i pescatori possono utilizzare il computer del lodge.
Generatori eolici e generatori a combustibile garantiscono le richieste energetiche del Lodge e forniscono energia elettrica (220 volt) 24 h al giorno. Il servizio di lavanderia viene effettuato due volte a settimana se i clienti lo desiderano, così come ogni altra necessità.
Il personale attento e professionale del lodge cerca di creare un ambiente accogliente e senza problemi per garantire agli ospiti un’esperienza davvero indimenticabile.

Gastronomia
Estancia Laguna Verde offre anche un’eccellente cucina grazie allo chef e sous chef. Il Lodge si pone l’obiettivo di essere ambasciatore della ricchezza della diversità gastronomica culturale della storia locale e non, deliziando i visitatori con le tipiche prelibatezze argentine.

Colazione
Caffè, tè, succhi di frutta, latticini, prosciutto, uova, toasts, pane appena sfornato, burro, marmellate, miele, cereali ed altro per una prima colazione energizzante.

Pranzo
A mezzogiorno, i nostri pescatori godono di deliziosi e vari menù. Alcuni piatti sono costituiti da carne alla griglia o trota con insalata, pane, salumi, formaggi e frutta. Dopo il pranzo ci si può rilassare per qualche minuto su lettini prendisole per riposare le braccia prima di affrontare altre sfide nel pomeriggio.

Snacks
Caffè e tè sono sempre disponibili 24/7, così come biscotti, cracker, sandwiches, alcolici regionali e drinks.

Cena
Una volta di ritorno al lodge, e dopo una doccia rinfrescante, lo chef e sou chef ogni sera preparano un menu di 3 portate. In un’atmosfera amichevole, i visitatori possono provare diversi tipi di antipasti locali, come formaggio di capra o di pecora, prosciutti e salsicce di maiale essiccate. Come portata principale, si potranno degustare i famosi “asados​​” (barbecue), il tradizionale agnello della Patagonia e le paste fatte in casa, solo per citarne alcuni. Per dessert, oltre ad avere una grande varietà di frutta fresca, ci sono anche diversi piatti appositamente preparati dallo chef; riguardo i vini, la scelta per la sera varia a seconda del menu previsto.

Bibite
Al lodge c’è una vasta gamma di bevande di prima qualità che varia dalla selezione di vini famosi come Malbec, Cabernet Sauvignon, Tannat e altri tipi di bianchi, a birre regionali fatte in casa, bevande alcoliche, whisky, cognac… Queste e altre bevande analcoliche sono disponibili ogni giorno presso il bar in salotto.

Pesca

Lake Strobel
Estancia Laguna Verde offre accesso a più di 14 km del lago Strobel, tra cui diversi baie protette dal famoso vento della Patagonia. In luoghi come Monsters Bay, Camelot Bay, Dito Bay, Tasmania Bay, Sea Bay, Puesto Bay e Dry Fly Bay si può fare eccezionale sight fishing anche nelle più difficili condizioni. Questa stupefacente varietà ha fatto sì che si creasse un numero in rapida crescita di pescatori che continuano a tornare, anno dopo anno, per la cattura di grandi trote, sia di risalita che stanziali.

Barrancoso River
Una delle attrazioni del programma di pesca all’Estancia Laguna Verde è il fiume Barrancoso, l’unico e solo affluente del Lago Strobel. Questo fiume scorre per più di 10 km nella Estancia e permette ai nostri clienti di accedere alla maggior parte delle zone di pesca; si può pescare fino a poco prima che il fiume entra nel Lago Strobel (le disposizioni argentine non permettono la pesca alla foce del fiume e nei circostanti 100 metri).
In questo fiume da sogno con le sue acque trasparenti si può pescare in 3 differenti sezioni: superiore (upper), media (middle) e inferiore (lower), dotate di 2 beats e ciascuna con le proprie caratteristiche. La pesca è in gran parte eseguita con canne per code del 6, 7 ma anche 8. Si pesca con code galleggianti e grandi mosche secche, imitazioni di topolini oppure streamer.

Moro Creek
Scoperto non da molto tempo e mai pescato prima fino a solo due stagioni fa, Moro Creek attraversa la Estancia e collega tutti i 12 laghi presenti nella Estancia. Questo impegnativo torrente scorre soprattutto durante la primavera e l’inizio dell’estate, ed ha, a poco a poco, conquistato il cuore di molti pescatori, diventando uno dei preferiti tra gli ospiti di inizio stagione; si può pescare in 4 delle sue sezioni (Los Flacos, Campamento, Los Chanchos, e La Reja Lake). In aggiunta a questi, ci sono i soliti programmi di pesca ai laghi più vicini al lodge, come Texas e il lago Verde (che dà il nome alla Estancia, perché è proprio di fronte al Lodge).

Piccoli laghi e lagune
Con più di 12 di queste fantastiche acque collegate da Moro Creek, Estancia Laguna Verde aggiunge molta più varietà ai suoi programmi. Alcuni dei laghi più popolari sono il Lago Verde, proprio di fronte al lodge, che offre molte possibilità di pesca per trote iridee, fario e salmerini; il Lago Texas grande trote iridee e fario in wading o dalla barca. Altri, come Horseshoe, Los Flacos, Chanchos, Ahogados e Reja, per citarne alcuni, consentono agli ospiti di provare combinazioni diverse nei programmi durante tutta la stagione.
Venite a vivere questa avventura incredibile di pesca a mosca alla Estancia Laguna Verde.

Gallery Jurassic Lake

Fly Fishing Info – Jurassic Lake

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Lago Strobe (o Jurassic Lake) ed il suo affluente Barrancoso non hanno bisogno di grandi presentazioni, basta dire che le trote più grandi al Mondo abitano qui.

Mosche consigliate:

ARGENTINA – JURASSIC LAKE

IM_2014_054_0003

Incredibile varietà di culture, tradizioni e paesaggi; terra dei laghi, di suggestivi canyon, delle cascate Iguazu, dei desolati paesaggi della Patagonia, della cordigliera delle Ande, paese dalla storia di contrasti e di grandi sollevazioni popolari… l’Argentina non mancherà di stupirvi ed emozionarvi.

Il nome “Argentina” deriva dal latino “argentum” ed è associato alla leggenda della Sierra del Plata (in spagnolo “montagna d’argento”), un leggendario tesoro in argento che i colonizzatori spagnoli ritenevano si trovasse da qualche parte in Sudamerica. La leggenda era già diffusa all’inizio del XVI secolo, epoca in cui gli spagnoli battezzarono Rio de la Plata (“fiume d’argento”) l’estuario dei fiumi Uruguay e Paraná, ritenendo che seguendo il loro corso si potesse giungere alla Sierra del Plata. Non vi sono elementi che indichino un fondamento oggettivo della leggenda; lo stesso bacino del Rio de la Plata non è particolarmente ricco di miniere d’argento (i più grandi giacimenti d’argento si trovano nelle Ande, a oltre 1500 km di distanza).

Geografia
Confina a nord con la Bolivia e il Paraguay, a nordest con Brasile e Uruguay, a est con l’Oceano Atlantico, a ovest con il Cile e a sud sempre con il Cile e le acque atlantiche del Passaggio di Drake.
L’Argentina può essere suddivisa in quattro grandi aree geofisiche: le pianure fertili della Pampa nel centro del paese, una distesa piatta caratterizzata da un misto di espansioni umide e secche e fonte del benessere agricolo argentino; il plateau della Patagonia nella metà meridionale fino alla Terra del Fuoco, steppe tenute a pascolo e aree glaciali; le piane subtropicali del Gran Chaco a nord, fertili pianure e foreste pluviali subtropicali; la catena delle Ande lungo il confine occidentale con il Cile, aridi bacini, colline coltivate a vigne, montagne glaciali e regione dei laghi.

Storia
I primi segni della presenza umana in Argentina si trovano in Patagonia (Piedra Museo, Santa Cruz), e risalgono all’11.000 a.C. Attorno all’anno 1 d.C. diverse civilizzazioni basate sul mais si svilupparono nella regione delle Ande Occidentali (Santa María, Huarpes, Diaguitas, Sanavirones, tra le altre).
Nel 1480, l’Impero Inca conquistò l’odierna parte nord-occidentale dell’Argentina, integrandola in una regione chiamata Collasuyu. Nell’area nord-orientale, i Guaraní svilupparono una cultura basata sulla yucca e la patata dolce. Le aree centrali e meridionali (Pampa e Patagonia) vennero dominate da culture nomadi, unificate nel XVII secolo dai Mapuche Buenos Aires nel 1536. Gli esploratori europei arrivarono nel 1516, anno in cui Juan Diaz de Solis toccò l’estuario del Rio de la Plata. Ciò favorì lo sviluppo della colonia cui mirarono anche i Portoghesi installatisi sulla sponda orientale del fiume. Nel 1776 la colonia fu elevata a vicereame e, con il suo sviluppo, si formarono anche le prime aspirazioni all’indipendenza poi maturatesi in età napoleonica. Nel 1810 i patrioti sostituirono al viceré una Giunta governativa provvisoria del Rio de la Plata cosa che rappresentò il distacco definitivo dalla Spagna. La vita interna del Paese fu subito agitatissima: proclamata ufficialmente l’indipendenza (1816), l’Argentina fu scossa da una serie di dittature, guerre e colpi di stato. Dopo quello del giugno 1943 cominciò l’ascesa politica del colonnello J.D. Peron (1946-1955), ma nel 1955 un colpo di stato lo costrinse all’esilio e ciò diede inizio a quasi 30 anni di governo militare, con solo brevi intervalli di governo civile. Nel 1976 iniziò il governo militare del generale Videla che avviò un regime di terrore. Mentre la situazione economica dell’Argentina andava precipitando, il colpo di grazia ai militari argentini venne dalla sconfitta nella guerra delle Falklands (1982) cosicchè furono costretti a restituire il governo in mani civili. Nel 1983 fu eletto presidente R. Alfonsin cui succedette, nel 1989, C. Menem. I pesanti costi sociali delle riforme economiche volute da Menem portarono all’elezione nel 1999 di Fernando De La Rua impegnatosi nella lotta alla corruzione e nella ripresa dei processi contro numerosi esponenti della dittatura militare ma costretto a dimettersi in seguito alla gravissima crisi economica scoppiata alla fine del 2001. L’Argentina, ufficialmente Repubblica Argentina, è una repubblica federale.

Programma di viaggio – Estensioni e Tours

Fly Fishing Info

Hotel & Lodge

Info e consigli di viaggio

Commenti e racconti di viaggio

Gallery